Vittorio Arrigoni è stato rapito...operazione del Mossad?

Pubblicato il da ipharra.over-blog.it

InfoPal. Vittorio Arrigoni, il noto attivista italiano dell'Ism, che vive a Gaza ormai da anni, è stato rapito:

link

Dal messaggio diramato nel sito, sembra che Vittorio sia in mano a un gruppo salafita legato ad al-Qa'ida. 

Il video mostra Vittorio bendato e con delle abrasioni. Il testo del messaggio minaccia l'uccisione dell'attivista entro le prossime 30 ore se il governo Hamas non rilascerà dei salafiti rinchiusi in carcere. 

Tuttavia, fonti ufficiali del governo di Gaza hanno dichiarato alla nostra redazione che tale organizzazione non esiste. Si tratterebbe, cioè, di una realtà creata dall'intelligence israeliana per fomentare conflitti interni a Gaza, che si avvale di "manovalanza" locale, indottrinata e convinta di rappresentare il network di Bin Laden.

"Tutti i gazesi sanno che questa organizzazione non esiste davvero - ci ha spiegato un collega al telefono -. Ci sono degli individui che si dichiarano suoi aderenti, ma il regista è Israele. Questo gruppo 'salafita' ha rapito Arrigoni per chiedere la liberazione di loro commilitoni imprigionati. Ma perché proprio un occidentale? Un italiano? Piuttosto, per far pressioni sul governo di Gaza, avrebbero potuto rapire un militante o dirigente di Hamas.

Purtroppo, noi temiamo che dietro ci sia Israele, che vuole spaventare gli attivisti della Freedom Flotilla2, in partenza il mese prossimo".

vittorio_arrigoni.jpg


Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post
U


Credo che purtroppo avete ragione voi.Non è la prima volta che il Mossad (come pure i servizi ad esso sottoposto come CIA e MI6) usa certe tattiche per fare gli interessi dei sionisti.E Arrigoni
non sarà l'ultimo a pagare questo grave prezzo.O si apre gli occhi o sarà la fine per tutti.Compreso i soliti giornalisti leccaculo.



Rispondi