Ve li do io i cinque punti programmatici...

Pubblicato il da ipharra.over-blog.it

di Andrea Carancini

I cinque tabù assoluti della politica italiana, quelli che nessun candidato, da Ferrando a Fiore - passando per Di Pietro, Grillo e De Magistris - oserà mai proporre:

1. Uscita dell'Italia dalla NATO (e conseguente smantellamento di tutte le basi americane in Italia);


 

2. Ricostituzione delle Partecipazioni Statali (quelle smembrate all'inizio degli anni '90 dalla cricca Amato-Ciampi-Draghi-Prodi);


3. Ricostituzione della Banca d'Italia quale Società di Diritto Pubblico (adesso è in mano agli strozzini delle banche private);

4. Nazionalizzazione della FIAT;


5. Messa al bando di tutte le logge massoniche di ogni ordine grado (veri tentacoli dell'imperialismo americano in Italia).


A questi cinque punti se ne potrebbe aggiungere un sesto, di politica estera, quella politica estera che è la pietra miliare di ogni autentica sovranità nazionale: accordi di partenariato strategico con i seguenti paesi, Iran, Siria, Russia, Cina, Turchia, Venezuela, Brasile, Nicaragua, Bolivia e Cuba

                                                              sigonella2_G.jpg

Con tag signoraggio

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post