UN IMPORTANTE GIORNALE ECONOMICO TEDESCO RIFIUTA LA VERSIONE UFFICIALE

Pubblicato il da ipharra.over-blog.it

        Attacchi terroristici dell'11 settembre 2001: NOI NON VI CREDIAMO!

 

 

 In Germania una delle più importanti riviste economiche, ma non solo, tedesche:  "Focus-Money"  ha incredibilmente pubblicato un articolo sull'11 settembre da più parti definito "rivoluzionario" in rapporto all'andazzo dei mass media europei.


In sintesi su Focus-Money, il giornalista  Oliver Janic ha dato una esposizione investigativa sui fatti dell'11 settembre quanto meno obiettiva, affermando oltretutto quanto segue (da dedicare ai vari Attivissimo  per i quali il prof. Jones si era "fabbricato" le prove della nanotermite):


 “Trovate tracce di esplosivi. Vi sono prove univoche a riguardo. Più di 1200 architetti ed ingegneri sotto la conduzione di Richard Gage fanno  notare come un crollo simmetrico dei tre grattacieli WTC 1,2 e 7 è stato possibile, nel rispetto delle leggi di Newton, solo se le strutture portanti sono state rimosse in modo mirato e contemporaneo, mediante esplosioni.

 

A tale proposito, il professore di fisica Steven Jones ha trovato nella polvere del World Trade Center tracce di Nanotermite.” (…) A Giugno 2009 il rinomato Istituto Britannico di Nanotecnologia ha confermato i risultati delle analisi: Lo studio, dichiara l’Istituto, «fornisce la prova incontrovertibile (indisputable) che nella polvere di tutti e tre gli edifici che l’11 settembre 2001 sono crollati a New York è stato trovato un esplosivo ad alto livello tecnologico, dal nome di nanotermite. Questo esplosivo d’alta tecnologia può venire prodotto solo in laboratori militari specializzati.» 

 

                                           DownloadedFile-copia-2.jpeg


Con tag USA

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post