NOTIZIA TACIUTA DALLA STAMPA E TV DI REGIME

Pubblicato il da ipharra.over-blog.it

INFO
Arresto Rigi, ecco perchè l’azione è stata solo iraniana

L’arresto di Abdolmalek Rigi, il feroce terrorista sostenuto dai servizi segreti occidentali e da quelli israeliani, ha avuto una forte eco nei media della regione mediorientale e in quelli di tutto il mondo.

Mercoledi il Guardian di Londra ha definito l’arresto del sanguinario terrorista un’importante vittoria per l’Iran nell’ambito della sicurezza. Il quotidiano citando le dichiarazioni del Ministro iraniano per l’intelligence, Heidar Moslehi, che aveva rivelato di avere in mano prove che dimostrano la cooperazione di Jundallah, il gruppo di Rigi, con i servizi di spionaggio di USA, Gran Bretagna e Israele, ha detto che ora toccherà all’Occidente e a Israele dare spiegazioni sulla vicenda. Negli Stati Uniti il Christian Science Monitor mercoledi ha definito l’arresto di Rigi, il colpo di grazia dell’Iran al gruppo terroristico Jundallah. Il più noto New York Times ha ricordato come l’arresto di questo terrorista, avvenuto attraverso un’operazione difficile e complicata e per giunta grazie a inseguimenti in diversi paesi, dimostri l’ottimo livello di preparazione dei servizi d’intelligence dell’Iran; il quotidiano della grande mela ricorda che dal 2003 Rigi si era macchiato dell’assassinio di centinaia di persone tra civili e membri delle forze armate iraniane. Anche il Los Angeles Times, quotidiano della città dove vive la più numerosa comunità iraniana in America, ha dedicato un’ampia pagina alla questione.
È degno di nota che l’arresto del feroce terrorista, che ha immerso nella gioia specialmente gli abitanti della regione iraniana di confine del Sistan e Beluchistan, la più colpita dai suoi attentati, è stata accolta freddamente dai paesi occidentali che avevano addirittura espresso sostegno al terrorista negli anni passati; da non dimenticare l’assurda intervista della sezione persiana della tv americana VOA con il terrorista, che era stato definito ancora più assurdamente dall’emittente uno dei sostenitori della democrazia in Iran.
Comunque ora la questione per l’Occidente si mette male perchè il Ministro iraniano per l’intelligence ha dichiarato che prossimamente verranno resi pubblici i documenti che dimostrano la stretta collaborazione di Rigi con paesi come gli Stati Uniti. 
E sono proprio questi documenti che smontano l’insulsa teoria sparata nei giorni scorsi da alcuni media filo-americani che avevano sostenuto che l’Iran avrebbe addirittura arrestato il terrorista con l’aiuto degli americani o dei servizi del Pakistan, quando entrambe queste realtà, purtroppo, hanno sempre sostenuto le attività del gruppo di Rigi.

Con tag INTOX

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post