CHI FINANZIA I TERRORISTI ? BRILLANTE OPERAZIONE DELL'INTELLIGENCE IRANIANA IN AFGHANISTAN

Pubblicato il da ipharra.over-blog.it

INTOX
separatista catturato all'estero

(ANSA) - TEHERAN, 23 FEB - Il capo separatista sunnita Abdolmalek Righi e' stato catturato dalle forze iraniane ''fuori dal Paese e portato in Iran''. Lo ha detto il ministro della Difesa iraniano mentre il ministro dell'Intelligence ha precisato che Righi si trovava ''in una base americana in Afghanistan 24 ore prima dell'arresto'' mostrando in televisione una fotografia che, ha detto, ritrae lo stesso Righi all'interno della base americana.

INFO

Iran: confessione Rigi, Stati Uniti mi offrirono base militare e soldi illimitati


Venerdì 26 Febbraio 2010

TEHERAN - L’amministrazione di Barack Obama aveva offerto ad Abdolmalek Rigi una base militare in Afghanistan e soldi illimitati per incoraggiarlo a proseguire le sue attività terroristiche ai danni della Repubblica Islamica dell’Iran e dei suoi cittadini.

La rete satellitare in lingua inglese PressTv, entrata in possesso della confessione fatta durante il suo primo interrogatorio dal feroce terrorista Abdolmalek Rigi rivela parti importanti delle sue dichiarazioni: “Dopo che Obama venne eletto, gli americani ci contattarono e mi incontrarono in Pakistan. Lui (l’agente americano/ndr) mi disse che gli americani chiedevano un colloquio”.


Rigi ha proseguito: “Io all’inizio non accettai ma lui promise a noi grande cooperazione. Disse che ci avrebbe dato armi, mitragliatrici ed equipaggiamenti militari; loro ci promisero pure una base militare in Afghanistan, a ridosso del confine con l’Iran”.
Il terrorista arrestato nei giorni scorsi ha proseguito: “Il nostro meeting avvenne a Dubai e anche lì ripeterono che avrebbero dato a noi la base in Afghanistan e che avrebbero garantito la mia sicurezza in tutti i paesi limitrofi dell’Iran in modo che io possa mettere in atto le mie operazioni”.
Riguardo all’ultima fase prima della sua cattura Rigi spiega: “Mi dissero che un’alto esponente americano mi voleva vedere e che lui mi aspettava alla base militare di Manas, vicino Bishkek, in Kirkizistan. Mi dissero che se questo alto esponente viaggiava negli Emirati poteva essere riconosciuto e perciò dovevo andare io da lui”.


Il terrorista arrestato proprio sul volo che da Dubai si dirigeva verso Bishkek ha inoltre rivelato:
“Nei nostri meeting gli americani dicevano che l’Iran aveva preso la sua strada e che al momento il loro problema era proprio l’Iran e non Al-Qaeda e nemmeno i talebani; solo e solamente l’Iran. Dicevano di non avere un piano militare adatto per attaccare l’Iran; questo, dicevano, è molto difficile per noi. Ma dicevano che la Cia, narra Rigi, conta su di me perchè crede che la mia organizzazione è in grado di destabilizzare il paese”.


Abdolmalek Rigi ha inoltre spiegato: “Un ufficiale della Cia mi disse che era molto difficile per loro attaccare l’Iran e che perciò il governo americano aveva deciso di dare supporto a tutti i gruppi anti-iraniani capaci di creare difficoltà al governo islamico. Per questo mi dissero che erano pronti a darci ogni sorta di addestramento, aiuti, soldi quanti ne volevamo e la base per poter mettere in atto le nostre azioni”.

Con tag INTOX

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post