Sanzioni inutile/ Onu: investimenti esteri in Iran aumentati dell’86%, sonora sconfitta per gli Usa

Pubblicato il da ipharra.over-blog.it

Quello che giornali e TV non dicono:

NEW YORK – Il rapporto annuale dell’Unctad rivela che a scapito di tutte le blasonate sanzioni che a detta degli americani starebbero piegando l’economia iraniana, gli investimenti stranieri diretti in Iran sono cresciuti dell’86%.

Secondo la Conferenza delle Nazioni Unite su Commercio e Sviluppo, in un anno di crisi come il 2009 in cui gli investimenti stranieri nel mondo sono scesi mediamente del 37%, il risultato conseguito dalla Repubblica Islamica dell’Iran è ancora più brillante e rivela il dinamismo di Teheran a livello internazionale.

Il risultato ottenuto nel pieno della crisi sul nucleare rivela quanto siano infondate le dichiarazioni delle autorità occidentali che sostengono di aver messo in ginocchio l’Iran con le sanzioni. E non c’è bisogno di essere dei grandi analisti politici per comprendere che i dati Onu sono una sconfitta “sonora” per gli Stati Uniti. Secondo il rapporto Unctad, nel 2009 gli investimenti stranieri diretti in Iran sono arrivati a 3.016 miliardi di dollari.

Per gli Stati Uniti, invece, gli investimenti stranieri si sono più che dimezzati secondo i dati Onu. Con una riduzione del 58%, questi investimenti sono giunti a 130 miliardi di dollari ma rimangono ancora la somma più alta tra tutti i paesi del mondo. Dopo gli Usa ad attirare i maggiori investimenti ci sono la Cina e la Francia con 95 e 60 miliardi di dollari. Tra i paesi mediorientali spicca l’Arabia Saudita con 36 miliardi di investimenti esteri.

                                            540bac47dc9c710d0fdfa0e53a9bb898_L.jpg

Con tag iran

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post