Riunione del Bilderberg

Pubblicato il da ipharra.over-blog.it

COMUNICATO STAMPA

Traduzione a cura di Monica Mainardi


La 58esima Riunione del Bilderberg sarà tenuta a Sitges, in Spagna, dal 3 al 6 giugno 2010. La Conferenza affronterà principalmente i temi: riforma finanziaria, sicurezza, cybertecnologia, energia, Pakistan, Afghanistan, il problema alimentare nel mondo, raffreddamento globale, social network, scienza medica, relazioni Europa-Usa. Saranno presenti approssimativamente 130 partecipanti, dei quali due terzi provenienti dall’Europa e il resto dal Nord America. Circa un terzo appartiene a governi e mondo della politica, i restanti due terzi rappresentano finanza, industria, sindacati, mondo accademico e comunicazione. L’incontro è privato, al fine di incoraggiare una franca e aperta discussione.

Il Bilderberg prende il suo nome dall’hotel in Olanda in cui venne organizzato il primo incontro nel 1954. Questo primo incontro nacque dalla preoccupazione espressa da diversi rappresentanti delle classi dirigenti di entrambe le sponde dell’Atlantico che l’Europa occidentale e il Nord America non stessero lavorando così a stretto contatto quanto sarebbe stato invece opportuno per risolvere problemi comuni di primaria importanza. Si pensò che discussioni a scadenza regolare e “ufficiose” avrebbero contribuito a creare una migliore comprensione riguardo alla complessità delle forze e alle principali tendenze che coinvolgevano le nazioni occidentali nel difficile periodo del dopoguerra. La Guerra Fredda ora è finita. Ma praticamente sotto tutti gli aspetti ci sono più, e non meno, problemi in comune – dal commercio al lavoro, dalla politica monetaria agli investimenti, dalle sfide ecologiche al compito di promuovere la sicurezza internazionale. E’ difficile pensare che i problemi principali che coinvolgono l’Europa e il Nord America possano avere una soluzione unilaterale, senza avere ripercussioni sull’altro partner. Per questo l’idea di un forum Europeo-Americano non è mai stata superata dal tempo. Il dialogo tra queste due regioni è ancora – e forse sempre più – critico.

L’unicità del Bilderberg come forum sta: nell’ampio campione di cittadini eminenti che per tre giorni si riuniscono per una discussione informale e ufficiosa riguardante temi di interesse corrente soprattutto nei campi della politica estera e dell’economia internazionale; nel forte sentimento tra i partecipanti che a fronte delle differenti attitudini ed esperienze delle nazioni occidentali, ci sia una chiara necessità di promuovere lo sviluppo di un’intesa all’interno della quale questi temi di comune interesse possano essere favoriti; nella riservatezza degli incontri, la quale non ha altro scopo che permettere ai partecipanti di parlare e confrontarsi apertamente e liberamente. In breve, Bilderberg è un piccolo, flessibile, informale e ufficioso forum internazionale nel quale differenti punti di vista possono essere espressi al fine di migliorare la mutua comprensione.

La sola attività di Bilderberg è la sua Conferenza annuale. Durante l’incontro non vengono proposte risoluzioni, non vengono fatte votazioni e non vengono emanate dichiarazioni politiche. Dal 1954, si sono tenute 57 conferenze. I nomi dei partecipanti sono stati resi disponibili alla stampa. I partecipanti vengono scelti in base alla loro esperienza, alla loro conoscenza e alla loro posizione posizione sociale; tutti i partecipanti presenziano al Bilderberg in forma privata e non in qualità ufficiale.

Non ci sarà alcuna conferenza stampa. 

                                safe_image.php.png

Commenta il post

nemo 06/10/2010 15:51



Se il "vasto campione di cittadini" si riunisce per "non fare proposte, "non fornire soluzioni" e "non emanare dichiarazioni politiche"; che si riunisce a fare? Per una partita a rubamazzo
(non casuale)?


Perché non elecano il "vasto campione"? Che sò: dell'Etiopia, delle Samoa, di Granada, della Rep. di San Marino. Che categorie sociali esprime il "Vasto campione" oltre finanza, politica,
economia e servitù di camera (sindacati)? Che sò: infermiere, muratore, contadino, pensionato, impiegato, operaio, ....


Anche se i comunicati stampa vanno presi per quello che sono, a volte non pubblicarli è meglio.