Per una Rinascita sociale e di dignità politica

Pubblicato il da ipharra.over-blog.it

Di:Maurizio Canosci

Da: Rinascita , commento alla lettera di stelvio Dal Piaz con risposta del direttore Gaudenzi

 

Direttore Gaudenzi, dopo aver visto quanto espresso da Stelvio Dal Piaz con la Sua autorevolezza nella missiva a te indirizzata e soprattutto dopo la lettura della tua risposta devo compiacermi finalmente del fatto che forse oggi, dopo tanto “peregrinare”, si sia tutti (parlo per il Centro Studi Socialismo Nazionale ma credo di interpretare senza temere smentite anche la sensibilità di qualche altra “realtà alternativa”) quasi pronti ad “osare”, a rischiare per una iniziativa libera non “omologata”.
Il “quasi” mi permetto di usarlo oltre che scaramanticamente solo per evidenziare due condizioni.
Più che pensare di dover “distruggere” l’arcipelago delle tante Volontà nate per germinazione spontanea forse sarebbe più opportuno tentare la via di una “armonizzazione” organica comunitaria e partecipativa di chi vuole rimanere naturalmente coerente a tracciare con tanti nuovi punti l’eterna linea retta, abbandonando quelle troppe incancrenite diatribe di un passato che forse ha lasciato troppe - inutili - ruggini (di tipo anche personalistico) e che non hanno più ragion d’essere   laddove naturalmente non riguardino certificate infamità.
In secondo luogo non fermarsi a dichiarazioni d’intenti ma procedere concretamente e fattivamente ad intraprendere una strada “confederativa” come in definitiva abbiamo iniziato a fare nel nostro piccolo con altri per costruire un Progetto innanzi tutto che porti alla definizione, dopo e solo dopo di esso,   di un “soggetto”.
In tutto questo - e proprio per dirla come Stelvio apprezzando di fondo il lavoro tuo e della redazione di Rinascita nel rappresentare a livello di carta stampata quotidiana l’unica voce di controinformazione che è la punta dell’iceberg delle centinaia di pubblicazioni non conformi presenti anche in rete - credo sarebbe opportuna proprio da parte del giornale che rappresenti prendere coscienza di poter rappresentare effettivamente a tutto tondo la voce degli Uomini Liberi pronti per combattere civilmente per la riconquista della Liberazione Nazionale.
Spero vivamente nei prossimi mesi di poter credere di eliminare quel “quasi” che ho usato in apertura di commento confidando nell’intelligenza di tutti Noi.

 

Cordialmente ti saluto.

 

Maurizio Canosci
portavoce del Centro Studi Socialismo Nazionale

 

 

Lo ripeto, ritengo necessarie due o tre semplici premesse all’avvio di un progetto comune (la volontà di guardare all’oggi e al futuro, per proporre risposte all’attuale stato di crisi; il desiderio - che ha da essere comune - di uscire al più presto, “rompendo”, dall’arcipelago dei “distinguo” e delle diatribe dialettiche individuali o di pensiero - fine a se stesse; l’individuazione di una, due battaglie politiche da sviluppare, per comprendere la forza di ogni partecipe e per rafforzare sul campo la possibile unità). D’accordo sulle premesse, non si potrà che andare avanti.
u.g.

 

 

43489 11861 1184609054303 1200565450 30488803 3399138 n

Con tag Italia

Commenta il post

Movado Store 12/24/2011 06:17


Ihre Freunde stets Wind, Frost, wirst du in der Ferne zu tragen, wenn ich kann nicht, ich bete sie an meinem K?rper Verwitterung kommen.