Pedro Varela: VITTIMA DELL' INGIUSTIZIA SPAGNOLA

Pubblicato il da ipharra.over-blog.it

Di:Giovanni Bartolone

Un libraio è stato incarcerato per reati d'opinione, per pubblicare libri che nemmeno ha scritto (né potuto leggere, in grande maggioranza), che riflettevano non la sua opinione ma opinioni diverse di autori diversi. È stato condannato per 16 titoli, principalmente testi storici senza commento.


Egli è stato accusato e condannato per razzismo, con una faccia tosta straordinaria, per pubblicare Nobilitas, un libro scritto da un indù, che riassume il pensiero dei grandi filosofi occidentali degli ultimi 2000 anni.


Egli è stato accusato e condannato per antisemitismo per la pubblicazione di un libro di un autore ebreo, Israel Shamir, che si lamenta per i crimini di genocidio dello Stato d’Israele contro i palestinesi. Inoltre, anche gli arabi sono semiti ma questi genocidi non importano. Devono avere impunità totale per il modo di vedere del giudice. Ciò che non deve rimanere impunito è quando qualcuno si lamenta di genocidio compiuto dagli ebrei, perché lamentarsi di questo, secondo loro è giustificare il genocidio contro gli ebrei. Ci può essere un esempio migliore di faccia tosta?


Ma andiamo avanti con altri esempi, uno dei 16 libri per la cui pubblicazione Pedro Varela è stato condannato è un testo di lettura obbligatoria nelle università spagnole, nelle facoltà di psicologia: Raza, inteligencia y educación. Il suo autore, un altro ebreo anti-nazista! Che crede nella Shoah come fatto storico, come scrive nel suo libro. E’ niente meno che H. J. Eysenck, lo psicologo più citato dopo Sigmund Freud! Nel suo libro però dimostra la differenza di coefficiente intellettuale tra razze con argomenti che non potrebbero mai essere confutati. Tuttavia, i “Garzones” che ci sono nel mondo sono storici, antropologi e scienziati, tutto in una sola persona!


E ' terribile, imbarazzante, scandaloso. E adesso? Ci sono tante forme per aiutarlo, per esigere la sua liberazione e la libertà di espressione per tutti.  Chiediamo la vostra collaborazione. Organizziamoci.

Come si posso aiutare? Chiunque può aiutare, in molti modi. Agite. 

• Promuove il blog Pedro Varela: libertadpedrovarela.over-blog.com.


• Inviate le vostre lettere al carcere, evitando un linguaggio scurrile, a voce alta, grida di lotta o qualsiasi cosa che potrebbe aggravare la sua situazione. L'indirizzo del carcere è: 
Pedro Varela Centro Penitenciario Brians 1, Apartado de Correos 1000, E-08760 Martorell,  Barcelona,  Spagna.

 

• Inviate le tue lettere ed e-mail di protesta ai politici, l'elenco è disponibile sul blog.


• Inviare lettere al direttore di varie testate giornalistiche, i più intelligenti spesso le pubblicano per  puro desiderio di polemica. Soprattutto in queste ultime, dovrebbe essere curata la lingua, breve e può essere collegata a qualche altro argomento caldo, al momento della scrittura (cioè, un altro affronto alla libertà di espressione o qualcosa del genere). Partecipate e convincete i vostri amici a partecipare alle nostre campagne per la raccolta di firme contro l'abolizione delle leggi che limitano e impediscono la libertà di espressione e sono usati come pretesto per incarcerare gli editori.


- Analogamente, è possibile organizzare nelle vostre città uno sportello informativo e di raccolta di firme in favore della libertà di espressione.


Protestat contro il giudice Aguilar. Partecipate alle manifestazioni che convocheremo contro questo giudice politicizzato, che denuncia solo i suoi odiati rivali politici, e contro la sua sezione politicizzata, creata specificamente contro un particolare settore ideologico, non avendo mai proceduto contro gruppi di estrema sinistra, o talmudici o bande islamiche o d’immigrati (Latin Kings, ecc. Queste bande in Barcelona si legalizzano come associazioni culturali ) ecc. Invia anche lettere ai media per accusare il giudice di fare quello che vuole. Noi tutti possiamo raggiungere l’obiettivo di far sedere all’altro lato della stanza questo degno successore del corrotto giudice Baltasar Garzon.

 

. Partecipate e convincete i vostri amici a partecipare alle manifestazioni che saranno convocate la prima domenica di ogni mese fuori dal carcere dove è Pedro. Le manifestazioni devono essere in tutti i casi proprie di persone civili, con slogan e striscioni riguardanti quest’oltraggio contro la libertà di espressione. 

• collaborate finanziariamente alla difesa legale di Pedro, per il sostegno di questo progetto è la Libreria Europa, che deve continuare, come oasi di libertà che rifornisce l'intero mondo di libri che la moderna Inquisizione vuole censurare. In questo caso, il conto corrente bancario è La Caixa 2100-3003-56-2109609958.

• Chiedeteci adesivi e affiggeteli nella vostra zona e ovunque andiate. In ogni caso, qualunque cosa accada, non saremo mai zitti, e faremo che non sia politicamente redditizia la repressione nei nostri confronti.


• Prendete le vostre lenzuola, camicie e altri materiali.


• Aiutatecii a tradurre i nostri comunicati e a dargli una maggiore diffusione.


• Se vivete fuori della Spagna, è possibile organizzare manifestazioni davanti

     all'ambasciata o al consolato spagnolo.

 

                        securedownload-copia-4

 


Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post