LE " CRONACHE DA FORCOLANDIA" ANCHE SU FACEBOOK.

Pubblicato il da ipharra.over-blog.it

 

Da: http://edoardolongo.blogspot.com

Abbiamo aperto una paginasu facebook IintitolataCronache da forcolandia.
Il link per accedervi è il seguente :
la pagina su facebook non riportaerà tutti i testi e i commenti della omologa sezione di questo sito, ma solo i comunicati ufficiali della Difesa del' avvocato Edoardo Longo inerenti l' ultima, violenta ed illegale " operazione a regia" condotta dalla procura di Pordenone e dalla collegata connection sionista.
Si tratta di una violenta operazione giudiziaria illegale che assomiglia ad una esecuzione capitale dello scomodo professionista - intellettuale, una vera e propria operazione dipulizia etnica del dissenso condotta da un  pubblico ministero ultrasionista e comandante onorario della vicina base militare USA di Aviano.
La ragione della apertura di questa pagina, integrata con questo sito è presto detta.
Il web infuria di commenti sull' arresto illegale dell' avvocato Edoardo Longo accaduto a maggio scorso. Si tratta di commenti compiaciuti e servili, opera di prezzolati gazzettieri imbeccati dalla procura di Pordenone i quali, tra l' altro, ben si sono guardati dal pubblicare successive smentite e comunicazioni dell' immediata liberazione del professionista ad opera del tribunale del riesame di Trieste , che ha immediatatamente liberato il professionista.
Questi commenti sono visibilissimi, e sarà difficile farli rimuovere dai siti, benchè una recente sentenza della Corte di Cassazione abbia stabilito che  le notizie di cronaca, quando permangano in internet oltre il tempo medio ragionevole per il diritto di cronaca, costituiscono diffamazione.
Intanto, tutti quelli che vengono a contatto con il sottoscritto, per ragioni professionali, culturali o anche solo personali, con una semplcie visura di " google " vengono informati di tutti i liquami versati sulla mia persona dalla procura di Pordenone, con evidenti conseguenze.
Per cui, ho ritenuto opportuno permettere altrettanta visibilità ai siti che hanno ospitato ( e che ospiteranno in futuro ) i comunicati della Difesa in questa vergognosa aggressione di " pulizia etnica del dissenso politico", permettendo così alle persone una completa e corretta informazione della vicenda.
Ricordiamo anche che la procura aveva vietato ( inutilmente ) all' avvocato Edoardo longo di comunicare con chicchessia, allo scopo di puntargli un silenziatore addosso e completare, nel silenzio coatto della vittima, la sua esecuzione , senza essere disturbata. metodi criminali utilizzati dai settori più illegali ed anticostituzionali della magistratura italiana, che è diventata, orami, un pericolo per l' ordine sociale e una forza incontrollata eversiva dei valori costituzionali repubblicani, e come tale va trattata, in tutte le sedi, in particolare in quelle di informazione.
A questa necessità di Difesa  e di equilibrio informativo, per farla  finita con il sistema della gogna mediatica imposta dalla sordida lobby giudiziaria di Forcolandia, è stata aperta questa nuova pagina integrata con antizog.
A breve verranno diffusi nuovi comunicati che potranno essere letti sia qui, sia sulla pagina apposita. Ringraziamo le persone libere che hanno dato spazio alla Difesa. riportiamo qui sotto un corretto ritratto dell' avvocato Edoardo Longo pubblicato da Il Messaggero Veneto in qui giorni. Una pagina di corretto giornalismo in mezzo a tanti liquami, con l' indagato sotto il revolver del pubblico ministero che gli imponeva di non replicare al proprio linciaggio .

Metodi da far west inutili con una persona che ama profondamente la libertà di espressione, come l' avvocato Edoardo Longo . per farlo tacere, l' unico metodo è quello di ucciderlo...

Ed infatti ci hanno provato alcuni delinquenti ultrapregiudicati al servizio della lobby ebraica.... Oltre alla procura di Pordenone, con questa aggressione giudiziaria illegale che ha il sapore e il contenuto di una esecuzione sommaria.
                                             20100526_edoardolongo2.jpg

Con tag giustizia

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post