Il testamento di Gheddafi

Pubblicato il da ipharra.over-blog.it

In nome di Dio Clemente e misericordioso

Questo è il mio testamento, di  Mouammar Bin Mohammed Bin Abdessalam Bin Humaïd Bin Aboumeniar Bin du Naïl Al Fohsi Al Kadhafi.

Io testimonio che non vi è altro Dio che Hallah e che Maometto è il suo Profeta

Le mie ultime volontà sono:

  • Che io non sia lavato alla mia morte e che sia interrato secondo il rito Islamico ed i suoi insegnamenti, con i vestiti che portavo al momento della mia morte.
  • Che sia interrato nel cimitero di Sirte, a lato della mia Famiglia e della mia Tribù

- Che i miei familiari siano ben trattati, soprattutto le donne ed i bambini.

- Che il Popolo Libico salvaguardi la propria identità, le sue realizzazioni, la sua storia e l’immagine degli antenati e dei suoi eroi, e che non sia attaccato   in nell’essenza di Uomini Liberi. 

  • Che continui la resistenza a tutte le aggressioni straniere subite dalla Jamahiriya, oggi, domani e sempre.
  • Che si convincano gli uomini liberi della Jamahiriya che noi avremo potuto realizzare, con la nostra causa, una vita migliore, stabile e sicura. Noi abbiamo avuto tante proposte in merito, ma noi abbiamo scelto d’essere al fronte per dovere ed onore.E anche se noi non vinciamo oggi, noi offriamo una lezione alle generazioni future perché esse possano vincere, poiché la Nazione è scelto l’onore ed il vendersi sarebbe stato un tradimento che la Storia testimonierà e giudicherà

Che sia trasmesso il mio saluto ad ogni membro della mia famiglia ed ai fedeli della Jamahiriya, nonché ai fedeli che ovunque nel mondo ci hanno sostenuti con il loro cuore. 

Che la pace sia con voi tutti.

Mouammar El Kadhafi

Sirte, 17/10/2011

 

55406


Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post
U


Salve, 


siamo la redazione di UniromaTv. Dato il tema del Suo blog crediamo Le possa interessare il video da noi realizzato sulla presunta morte del Rais.


A seguente link il servizio


http://www.uniroma.tv/video.asp?id=19788


Cordiali saluti


UniromaTv



Rispondi