Il cv di Mario Monti, che Napolitano ha dimenticato

Pubblicato il da ipharra.over-blog.it

Chi è Mario Monti?

Quello che non viene detto e quello che Napolitano finge di non sapere ma le sue ultime mosse politiche, che vanno ben  oltre le sue competenze di garante della costituzione, fanno pensare ad una regìa occulta, a “suggerimenti” giunti a lui direttamente dai gestori del mondo: un ambiente familiare sia a Monti, che a Draghi, che a Prodi e a tanti altri innominati; dopo ciò, probabilmente anche Napolitano è tra questi.

Monti è un tecnico imposto dalla Goldman Sachs (una delle  banche mondiali abituate a giocare con il destino degli Stati) in quanto suo advisor, per far quadrare i”loro”conti e garantire i “loro” interessi  all’interno della crisi italiana,crisi non casuale ma programmata da tempo; saremo sempre noi (chi lavora) a farne le spese subendo  manovre economiche che certamente saranno tutte lacrime e sangue nel falso mito dell’unità nazionale.

Allora conosciamolo meglio questo Mario Monti!

Da un editoriale di Ida Magli del 10.11.2011  pendiamo questo breve passo:

Il Presidente Mario Monti? Un cittadino benemerito della Repubblica e di specchiati costumi? Forse non tutti i cittadini lo sanno o se lo ricordano (e su questa ignoranza ha contato, oltre che sul complice silenzio dei politici e dei giornalisti, Giorgio Napolitano nel nominarlo) che Mario Monti è stato costretto, nella sua qualità di Commissario europeo sotto la presidenza Santer, a dare le dimissioni “per l’accertata responsabilità collegiale dei Commissari nei casi di frode, cattiva gestione e nepotismo” messi in luce dal Collegio di periti nominato appositamente dal Parlamento Europeo.

La Relazione fatta da questi Saggi al Parlamento, nonostante la prudenza del linguaggio ufficiale, fa paura. Si parla infatti dell’assoluta mancanza di controllo nella “rete di favoritismi nell’amministrazione”, di “ausiliari esterni” e di “agenti temporanei”, di “minibilanci espressamente vietati dalle procedure amministrative”, di “numerosissimi esterni fuori bilancio, ben noti all’interno della Commissione con il soprannome di sottomarini”, che operano con “contratti fittizi”, dietro “raccomandazioni e favoritismi”; di abusi che hanno comportato, con il sistema dei “sottomarini” l’erogazione non controllata di oltre 7.000 miliardi nell’ambito dell’Ufficio Europeo per gli Aiuti umanitari d’Emergenza (miliardi usciti dalle nostre tasche, naturalmente, e che dovevano andare, ma non ci sono arrivati se non in minima parte, ai bambini della Bosnia, del Ruanda morenti di fame).

……… Da commissario europeo alla concorrenza, Mario Monti perseguì il gruppo Coca-Cola per abuso di posizione dominante.

Nel 2004, per evitare un contenzioso, raggiunse un accordo in base al quale il colosso americano rinunciò ad alcuni comportamenti censurati dal commissario Ue. Giusto il tempo di far dimenticare il braccio di ferro e nel 2006, a sorpresa, Monti viene assunto dalla Coca-Cola come membro dell’international advisory board. Ruolo, quest’ultimo, che il probabile futuro premier italiano conserva ancora oggi

…………Dal 2010 è inoltre presidente europeo della Commissione Trilaterale, un gruppo di interesse di orientamento neoliberista fondato nel 1973 da David Rockefeller e membro del comitato direttivo del Gruppo Bilderberg[6]. Dal 2005 è international advisor per Goldman Sachs e precisamente membro del Research Advisory Council del Goldman Sachs Global Market Institute, presieduto dalla economista statunitense Abby Joseph Cohen

images-11

Con tag giustizia

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post
E

Governo imposto dall’Europa è un governo che fa interessi della UE che sono diametralmente opposti agli interessi dei singoli stati. Non c’è nessuna paranoia, Monti sarà il timoniere di una nuova
Britannia di cui il 95 per cento degli italiani non ha mai sentito parlare. Prima di una scissione dell euro a due velocita’ ( il ritorno alla lira sarebbe catastrofico ma assolutamente migliore
perche’ ci riapproprieremmo della sovranità monetaria) la missione della Merkel è distruggere le ultime aziende importanti rimaste in Italia per evitare di avere un competitor fortissimo( l
Italia ) che aggraverebbe la situazione dell export tedesco che sarebbe gia’ provata dal ritorno al marco o dall’euro1(quello piu forte). Coi rendimenti del btp al 7 per cento la politica di
austerity che ci verrà da Monti imposta non andrà minimamente nella direzione della crescita ma semplicemnte nel pagamento degli interessi sul nostro debito a investitori internazionali ( che
vogliono la remunerazione al 7per cento, non gradendo il fatto che alta remunerazione è collegata ad aumento del rischio del titolo che stai acquistando) che faranno abbondanti pasti sulle nostre
teste. Dopo anni di sofferenza vi invito a documentarvi sull’attuale situazione argentina, il cui primo ministro attuale è da molti considerato attualmente il miglior al mondo e che ha
attuato una saggissima politica di industrializzazione. Visto che ci aspettano anni di sofferenza, preferirei una ristrutturazione del debito e un ritorno alla lira.Saremo poveri, liberi e tra
dieci anni non piu’ poveri. La politica che avra’ monti, come col Britannia, sara’ l’ultima picconata e la deindustrializzazione completa che portera’ a sudamericanizzazione del nostro paese
senza prospettiva per il futuro ( differentemente dall argentina ), con aumento violenza, disagi sociali e corruzione. L’austerity non migliorera’ i bilanci statali! ma garantirà al mai eletto
Presidente del Parlamento europeo di continuare a guadagnare piu di Obama mentre il progetto euro collasserrà con una denotazione inimmaginabile per il 95 per cento delle persone. Saluti
Rispondi
K


Chi è M. Monti? E' un tecnocrate che come tanti altri economisti è impegnato, attraverso astratte formule matematiche, a far quadrare bilanci dei padroni. E con tale esercizio ha perso la
lucidità per capire che il vero creatore e fruitore di benessere è l'UOMO in un'ottica malthusiana e mussoliniana, non certo economica fisiocratica, infatti, nessun altro statista, tale
certamente era Mussolini, riuscì a compendiare l'idea di produzione con l'idea di bene della collettività!


kiriosomega



Rispondi