Disarmo: circa 16.000 testate restano intatte dopo Start II

Pubblicato il da ipharra.over-blog.it

Da: El Pais

Il nuovo accordo sul disarmo nucleare annunciato ieri dalla Casa Bianca e il Cremlino lascia intatto un arsenale di circa 16.000 testate nucleari, fra strategiche e tattiche.

A ricordarlo è il quotidiano spagnolo El Pais, che sottolinea come il nuovo 'Start II', come il suo predecessore, limita soltanto le testate già dispiegate ma non fissa restrizioni per quelle immagazzinate. Restano così del tutto impregiudicate 14.000 bombe, a cui si aggiungono circa altre 2500 testate 'tattiche', cioè di potenza inferiore ma spesso superiore a quelle che distrussero Hiroshima e Nagasaki e che i negoziati non hanno nemmeno preso in considerazione. 'Tattiche' sono ad esempio le bombe americane montate su missili dispiegati in Europa. Quanto ai vettori, il nuovo limite fissato di 800 è relativo perché la Russia già è al di sotto, e gli Stati uniti dispongono di circa 1.100 vettori capaci di trasportare diverse testate ciascuno.

Con tag USA

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post