CRIMINI ALLEATI DIMENTICATI

Pubblicato il da ipharra.over-blog.it

 

Da:Angantyr

 

Copparo (Ferrara), 30 gennaio 1945.

Copparo è una cittadina di circa 18.000 abitanti. Sebbene fosse priva di obiettivi di carattere strategico, il 30 gennaio 1945 fu teatro di una violenta incursione aerea "alleata". I cacciabombardieri presero di mira il campanile della chiesa Arcipretale, dedicata ai Santi Pietro e Paolo. Il campanile, risalente al 1184, fu centrato in pieno dalle bombe e delle 93 persone rifugiatesi all'interno, nessuna scampò alla morte. In seguito, il campanile venne ricostruito ed è diventato il simbolo delle vittime di quell'azione terroristica rimasta impunita.

 

 

TREVISO, 7 APRILE 1944: LA STRAGE DEL VENERDI SANTO

 

Il 7 aprile 1944, i velivoli alleati portarono a termine una apparentemente immotivata incursione area sulla città. Il valore strategico dell'obiettivoera infatti trascurabile. L'attacco provocò 2000 vittime fra i civili e la distruzione o il danneggiamento di oltre l'80 % del patrimonio edilizio, ivi compresi i principali monumenti storici e artistici

 

 

26 APRILE 1943

GROSSETO, LUNEDI’ DI PASQUA 1943: LA STRAGE DELLE GIOSTRE

 

Le bombe del 301° Gruppo americano avevano già ucciso, in un paesino sardo, dei bambini all’uscita dall’asilo. Altri a Cagliari in un giorno di festa. Il Lunedì di Pasqua del 1943 l’obiettivo dell’operazione "Uovo di Pasqua color oliva" era l’aeroporto militare di Grosseto, ma il 301° fece anche 134 vittime civili e, fra queste, 27 erano bambini.

 

                                                      securedownload-1.jpeg

 

Con tag giustizia

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post